text.skipToContent text.skipToNavigation
 Utilizziamo i cookies per assicurare di fornirvi la migliore esperienza sul nostro sito web. Continuando a navigare questo sito web, acconsentite al loro utilizzo. Per maggiori informazioni sui cookies, per favore clicchi  qui.
Bike Tips and Tricks

Yanick-the-Mechanic è noto come uno dei meccanici più dotati nel circuito XC. Come meccanico principale per il campione olimpico Nino Schurter, non solo effettua la manutenzione delle bici del mountain biker più veloce sul pianeta, ma anche del team più veloce del pianeta. Come capo meccanico di SCOTT-SRAM MTB Racing, casa di Nino, della campionessa olimpica Jenny Rissveds, del campione della Cape Epic Matthias Stirnemann e altri, Yanick è responsabile nientepopodimeno che di 55 bici SCOTT top di gamma. Effettuare la manutenzione di mountain bike, bici da cross e bici da strada ai più alti livelli è il lavoro quotidiano di Yanick. Guarda e impara a rendere la tua bici migliore con la nostra serie “How To”.


1. ORGANIZZATI

Se non ci si prepara, ci si prepara a fallire. Assicurarsi di avere ogni componente e attrezzo necessario per completare la costruzione della bici. Assicurarsi di avere un posto pulito e tempo libero da impegni per poterlo fare pazientemente. Fissare il reggisella, così sarà possibile mettere il telaio sul supporto per bici. Utilizzare un grasso o una pasta di assemblaggio per carbonio a seconda del materiale del telaio. Mai mettere in morsa un tubo del telaio perché può facilmente danneggiarsi a causa di pressione nel punto sbagliato.


2. CAVI INTERNI

Per avere più spazio per lavorare, inserire prima tutti i cavi interni o tubi prima di aggiungere pedivelle, forcella, ecc. Utilizzare una guaina in gommapiuma attorno ai cavi o ai tubi per prevenire che facciano rumore all’interno del telaio. Utilizzare una lampada frontale può essere d’aiuto per guardare all’interno del telaio e prevenire intoppi e potenziali problemi. I cavi devono essere inseriti nel telaio sempre nel lato opposto: per esempio, i comandi del cambio sulla destra devono entrare nel telaio a sinistra, questo fa sì che il cavo stia lontano dal telaio in corrispondenza del tubo sterzo impedendo gli sfregamenti sul carbonio o la finitura del telaio.


3. MONTAGGIO DELLA FORCELLA

Applicare un velo di grasso ai cuscinetti e inserirli nel telaio. Inserire la forcella e infilare il cono per stringerla, i distanziali, l’attacco manubrio e il tappo superiore saldamente nella loro posizione per controllare l’altezza stack generale. Porre l’attacco manubrio a filo con il tubo di sterzo della forcella: se non si è certi di quanti distanziali si utilizzeranno, usarne sempre il numero massimo, c’è sempre tempo per tagliare la forcella se ce n’è bisogno. Smontare il sistema, tagliare la forcella con attenzione, ingrassare i cuscinetti della serie sterzo e poi riassemblare. Stringere con attenzione il tappo superiore e le viti dell’attacco manubrio con la coppia di serraggio corretta.


4. ASSEMBLARE E REGOLARE IL COCKPIT

Aggiungere il manubrio e tutto l’equipaggiamento quali comandi dei freni e del cambio, TwinLoc e comando del reggisella telescopico. Trovare dove questi comandi devono essere posizionati, partendo dalla manopola e guardando dove posizionare i comandi dei freni. Ricordarsi che per le leve dei freni a un dito, la mano deve essere perfettamente posizionata sulla manopola e il dito indice posizionato comodamente sulla leva del freno. Aspettare a stringere forte, puntarle soltanto perché non si muovano lateralmente graffiando il manubrio. Iniziare con calma ad avvitare le viti, in special modo quelle che già hanno uno strato di frenafiletti: se si sente che una vite entra storta, fermarsi e ispezionare visivamente il filetto prima di riprovare.


5. MONTAGGIO RUOTE SULLA BICI

Assemblare il pacchetto delle ruote montando pneumatici, dischi e pacco pignoni. Montare le ruote sulla bici. Rimuovere dal supporto, allineare l’attacco manubrio e regolare il manubrio e gli angoli dei comandi del cockpit secondo la propria preferenza. Se non si è certi, impostare le leve a un angolo che sia parallelo alla posizione naturale delle braccia una volta che si è seduti sulla bici. Una volta trovata la posizione soddisfacente, stringere alla coppia di serraggio indicata (quella predefinita è di 5 Nm se non marcata).


6. RIORDINARE I CAVI

I comandi TwinLoc possono rendere l’avantreno di una bici SCOTT un posto disordinato, quindi passare i cavi attentamente in cerca della soluzione più pulita. Più corti è in genere meglio, ma controllare sempre che il manubrio possa ruotare interamente senza che tiri troppo i cavi o i tubi. Tagliare attentamente, aprire l’estremità del cavo e aggiungere i terminali.

Inoltre, non temere di provare opzioni differenti quando i cavi e i tubi sono uno sopra l’altro. Come regola, il tubo del freno anteriore deve essere indipendente, con possibilità di muoversi liberamente assieme alla forcella e al manubrio (senza incrociare altri cavi o tubi). Raccomandiamo inoltre che passi all’interno della forcella così che non venga strappato sui trail. Fare attenzione quando si accorciano i tubi dei freni mentre si stringe il bullone riconnettendoli: può girarsi muovendo anche il tubo, che si torcerà. Se questo accade, rimuovere la leva del freno permettendo al tubo di rilassarsi, e poi rimontare.


7. MONTAGGIO DELLA TRASMISSIONE

Montare per primo il movimento centrale. Utilizzare sempre una pasta al carbonio per le unità Press Fit, o grasso per assemblaggi sui cuscinetti a vite. Utilizzare grasso impermeabile sui lati dei cuscinetti per facilitare l’inserimento delle pedivelle. Stringere le pedivelle, assicurandosi che possano girare liberamente. Aggiungere i pedali utilizzando grasso per assemblaggi e rondelle di protezione. Montare i meccanismi dei deragliatori anteriore e posteriore controllando il loro allineamento e impostando i fine corsa in relazione al pacco pignoni, utilizzando le viti per limitarli. Se si utilizza una trasmissione SRAM Eagle a 12 velocità, utilizzare il quadrante di allineamento per impostare la distanza tra la rotella superiore del deragliatore e il pignone più grande. Montare la catena, controllando che non vi siano maglie grippate.


8. IMPOSTAZIONE DI FRENI E TRASMISSIONE

Anche se li si sente funzionare bene è sempre meglio spurgare i freni, poiché bolle d’aria nascoste possono altrimenti causare problemi nel momento in cui ce ne sarà veramente bisogno. Controllare l’allineamento delle pinze dei freni così che le pastiglie non tocchino i dischi.

Infilare con cura i cavi della trasmissione nelle guaine, ruotandoli, tirare saldamente e fissarli. Passare attraverso tutte le marce per regolare l’indicizzazione e assicurarsi che la catena non cada dal pacco pignoni. Se non si è a conoscenza di come spurgare i freni o regolare l’indicizzazione, seguire i video di istruzioni relativi al modello corretto di freni sui siti di SRAM o Shimano.


9. AGGIUNTA DI COMPONENTI

Aggiunta della sella. Regolare altezza, angolo e posizione di arretramento prima di misurare il reach, in questo modo non si compirà l’errore comune di ordinare un nuovo attacco manubrio quando non ce n’è bisogno. Se installato, controllare che il reggisella telescopico funzioni correttamente. Aggiungere e fissare le manopole, con i morsetti integrati o con nastro adesivo. La livella e il metro sono di fondamentale importanza in questo passaggio.


10. CONTROLLO FINALE

Ricontrollare tutte le viti di fissaggio ancora sul supporto. Rimuovere la bici da supporto. Farla rimbalzare al suolo e muoverla avanti e indietro bloccando i freni per controllare che non vi siano componenti non fissati. Controllare la pressione dei pneumatici. Impostare la pressione della forcella e della sospensione posteriore per dare un sag del 25 % come punto di partenza. Impostare l’estensione in modo che ve ne si abbastanza per compressioni multiple, senza che lo pneumatico rimbalzi staccandosi dal terreno. Come detto, se non si è certi, guardare i video di Rock Shox e FOX riguardo la configurazione.

Effettuare alcuni giri a velocità moderata per controllare la gamma completa dei rapporti e dei comandi, e la posizione della sella. Abituarsi alla posizione, alla sensazione e alla funzionalità dei comandi. Fare un rodaggio ai freni effettuando sprint per poi frenare sempre più forte alcune volte, senza fermarsi completamente, finché non si sente la loro potenza aumentare. Questo avverrà quando le pastiglie e i dischi condivideranno una superficie uniforme di materiale.

Ora la bici SCOTT è totalmente pronta per percorrere i trail. Divertiti!


Per saperne di più su SCOTT-SRAM MTB Racing guarda qui.


Words : Yanick Gyger & Nick Craig
Photos : Jochen Haar
Video : Shaperideshoot / Gaëtan Rey


Bicicletta SCOTT Spark RC 900 World Cup
Bicicletta SCOTT Spark RC 900 World Cup
Telaio e forcella SCOTT Spark RC 900 WC HMX
Telaio e forcella SCOTT Spark RC 900 WC HMX
Bicicletta SCOTT Contessa Spark RC 900
Bicicletta SCOTT Contessa Spark RC 900

Nino Schurter

Learn more

Jenny Rissveds

Learn more