SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI A € 99,00
 Utilizziamo i cookies per assicurare di fornirvi la migliore esperienza sul nostro sito web. Continuando a navigare questo sito web, acconsentite al loro utilizzo. Per maggiori informazioni sui cookies, per favore clicchi  qui.

Il 21 agosto 2016 N1NO Schurter ha completato la sua collezione di medaglie olimpiche vincendo l’Oro a Rio de Janeiro, dopo aver vinto il Bronzo a Beijing nel 2008 e l’Argento a Londra nel 2012. Il cinque volte Campione del Mondo UCI MTB non solo si è prefissato l’obiettivo più grande, ma si è anche sottoposto a una pressione incredibile per avere successo nel suo Hunt for Glory. Ora che la caccia è terminata con la gloria, N1NO ci descrive dettagliatamente i suoi ultimi anni.


N1NO è abituato alla vittoria. Con cinque titoli di Campione del Mondo, quattro titoli di campione della Coppa del Mondo e 21 vittorie nella Coppa del Mondo negli annali, è uno degli atleti del ciclismo più di successo di tutti i tempi. Nel 2012, all’età di 26 anni, N1NO subiva la più grande “sconfitta” della sua carriera fino ad adesso, allontanandosi dalle Olimpiadi con una medaglia d’argento sebbene avesse dominato gran parte della gara. Alla fine, l’atleta ceco Jaroslav Kulhavy aveva conquistato l’Oro in una gara che tuttora è considerata una delle più entusiasmanti nella storia recente della MTB. Tuttavia, questa “sconfitta” ha dato a N1NO il la per prefissarsi un nuovo obiettivo: una medaglia d’oro quattro anni più tardi a Rio.


Come atleta al top, impostare un obiettivo a così lungo termine richiede un livello di disciplina tale che noi comuni mortali non avremmo modo di comprendere. Lavorare sulla sua forza mentale è stato fondamentale per N1NO. Si è allenato per quattro anni per una ragione: essere in forma per il giorno X, che era il 21 agosto 2016 a Rio. Questo tipo di devozione a lungo termine ha significato che N1NO ha dovuto soffrire svariati contrattempi. Ha anche significato imparare a trasformare un’esperienza negativa in vibrazioni positive, e imparare a trarre beneficio da esse. Oltre a questo, N1NO ha dovuto apprendere come sintonizzare qualsiasi singola parte della sua preparazione, del suo allenamento, e della sua vita in generale. Dalla nutrizione all’allenamento in quota, dalla tempistica perfetta in allenamento all’ottimizzazione del recupero, tutto era diligentemente organizzato.


La preparazione mentale e fisica di N1NO doveva essere massimizzata alla perfezione. Tuttavia N1NO doveva costruire un ambiente professionale che gli permettesse di concentrarsi per realizzare il suo obiettivo finale. Gli allenatori, fisioterapisti e coach che erano incaricati di indagare su tutto il suo avanzamento fisico sono stati abbinati alla squadra tecnica incaricata di fare in modo che N1NO non avesse mai da indovinare cosa c’era da fare. Con la nuova Spark RC 900 World Cup N1NO ha avuto acceso alla bici da competizione full suspension più leggera sul mercato. N1NO non sarebbe N1NO se non avesse insistito nel testare continuamente per assicurarsi di partire con il setup migliore possibile per l’esigente pista di Rio.


N1NO ha imparato dalle sue gare passate. Sapeva esattamente cosa avrebbe o cosa non avrebbe funzionato riguardo sia alla sua preparazione che alla sua strategia mentale. Durante gli anni, ha anche analizzato come i suoi potenziali concorrenti all’Oro avrebbero corso. Una gara olimpica è sempre differente rispetto a una gara di mountain bike ordinaria. Come atleta al top e contendente principale la pressione è tremenda, e l’attenzione del pubblico che bisogna affrontare è qualcosa difficile da immaginare anche per le persone avvezze. Nel giorno X, le condizioni in pista possono cambiare inaspettatamente da asciutto a piuttosto bagnato. La scelta delle gomme giuste era fondamentale per vincere la gara, come N1NO ha dichiarato successivamente. 


La strategia di N1NO per Rio era totalmente differente rispetto a quella delle gare precedenti. A differenza di Londra quattro anni fa, in cui abbiamo visto anche una lotta tra lui e Jaroslav Kulhavy, N1NO non voleva dominare la gara fin dall’inizio, ma lasciare che gli altri facessero il lavoro, per risparmiare energia. Durante la competizione N1NO ha testato i suoi rivali. “Ho organizzato un po’ di piccoli attacchi per metterli alla prova, specialmente per Jaroslav Kulhavy. Alla fine sapevo dove e quando dovevo organizzare un attacco: ha funzionato perfettamente”, ha affermato N1NO.

Le ultime pedalate hanno scritto la storia. Nino si è prefissato un obiettivo, ha mirato a raggiungerlo, e ha vinto il premio finale. 


“Ho raggiunto molto nella mountain bike. Tuttavia il mio #huntforglory dura per sempre. Amo ancora ciò che faccio. Amo correre e competere con i migliori ragazzi là fuori. Ci sono molte gare che voglio correre e vincere, e Cape Epic è una di quelle”.

Nino Schurter, Campione Olimpico


Foto di: Jochen Haar, Michal Cerveny, Gary Perkin, Armin M. Küstenbrück, Sven Martin