text.skipToContent text.skipToNavigation

Mike Horn ha appena completato il suo primissimo attraversamento in solitaria dell’Antartide senza alcun supporto. Una ragione in più per noi per intervistarlo e ottenere maggiori informazioni su questa incredibile impresa.


Come ti sei preparato e allenato prima dell’attraversamento?

Tutta la mia vita è una preparazione. Miro a rimanere fisicamente allenato e forte, ma niente di straordinario. È solamente uno stile di vita che per me è normale. 


Hai cominciato la spedizione con cibo sufficiente per completare l’intero attraversamento? O ti sei fermato da qualche parte per rifornirti?

Ho lasciato Pangaea con cibo sufficiente per tre mesi. Non mi sono fermato per rifornirmi. Alla fine però ho portato con me troppo cibo, che è risultato essere un peso non necessario. Ma non si sa mai in Antartide, meglio portare di più che non averne abbastanza! 


Che tipo di cibo hai portato con te?

I miei pasti caldi erano cibo liofilizzato specifico per trekking, e i miei snack includevano frutta secca, cioccolato, dolci al cioccolato fatti in casa, patatine e carne essiccata dal Sudafrica.



Di quante calorie hai avuto bisogno quotidianamente, in media?

Le razioni giornaliere hanno raggiunto le 8800 calorie (per dare un’idea, il corpo umano ha bisogno di circa 1785 calorie al giorno per poter mantenere le funzioni di base come la temperatura corporea, la crescita, il metabolismo, ecc.).


Durante la traversata hai dovuto affrontare temperature che sono calate fino a -40° Celsius. Con temperature estreme come queste, andare in bagno è una sfida: come te la sei cavata?

Andare in bagno in temperature estreme è sempre una sfida, così per evitare di andarci troppo spesso cerco sempre di ridurre il mio consumo di liquidi durante il giorno. Alla sera bevo litri d’acqua per idratarmi per l’intera giornata. Poi faccio pipì in una bottiglia, e la tengo come bottiglia d’acqua calda per mantenermi caldo durante la notte.


Ti sei incrociato con altra gente durante l’attraversamento?

Ne ho incontrata una volta che sono arrivato al Polo Sud. Era parte del mio itinerario, quindi sarebbe stato molto difficile per me non incontrare gente là. Il personale alla stazione sapeva che stavo per arrivare e mi ha lasciato un messaggio chiedendomi di passare a salutarli.


Come ti sei mantenuto motivato?

Grazie a una playlist di musica che mia moglie Cathy ha preparato per me.


Ci sono state parti della spedizione che ti sono piaciute? O l’intera spedizione è stata solo un esercizio di tolleranza al dolore?

Mi è piaciuta tutta. Anche i momenti deludenti e difficili sono stati emozionanti. Mi piace moltissimo vivere i momenti in cui sono al di fuori della mia zona comfort e mi spingo al limite. Tuttavia, l’intera spedizione ha incluso un sacco di sforzo fisico e un po’ di quello mentale, ma se non mi piace, allora per me non ha senso di farla!


Qual è stato il peggiore momento dell’attraversamento?

Ogni giorno avevo momenti deludenti e di sollievo. Sono gli alti e i bassi di ogni giornata. Ma per citare alcuni momenti deludenti: perdere il mio equipaggiamento per cucinare, il principio di congelamento alle mie dita dei piedi, camminare su un ponte di neve che nascondeva una crepa nel ghiaccio, l’aquilone portato via dal vento; l’infortunio alla spalla destra con conseguente inabilità di usare il braccio, rompere gli sci, il terreno difficilissimo con campi di sastrugi quasi non attraversabili per gli ultimi 400 km dell’attraversamento.


Qual è stato il miglior momento dell’attraversamento?

I momenti grandiosi sono stati quando era necessario trovare una soluzione a tutti i momenti appena menzionati. È stato anche fantastico vedere le montagne sbucare fuori dal ghiaccio all’inizio della spedizione, e poi vedere l’oceano e gli iceberg avvicinarsi verso la fine.



Durante l’attraversamento hai avuto a che fare con venti che hanno raggiunto i 300 km/h. Come hai fatto a navigare il percorso? Che equipaggiamento hai utilizzato per la navigazione?

Ho pianificato grosso modo il mio percorso in anticipo. Basandomi sulle mie esperienze precedenti in Antartide, e dietro consigli e informazioni di esploratori che sono miei amici, sono arrivato a questo percorso , e ho cercato di seguirlo quando possibile. Utilizzando anche la forza eolica, a volte lasciavo che il vento mi portasse avanti anche se questo significava non seguire il tragitto esatto. In queste condizioni, la natura decide per te. In termini di equipaggiamento, avevo un satellitare, un dispositivo inReach (che ho perso all’inizio della spedizione), e un telefono satellitare per coordinarmi col mio team e dar loro le mie coordinate.


Quali sono alcuni dei pericoli che hai incontrato in un’avventura come questa?

 Ovviamente i venti freddi ed estremamente forti, le crepe nel ghiaccio, l’affaticamento e gli errori umani.

 

Hai dovuto riparare dell’equipaggiamento?

Sì, quasi ogni giorno dovevo riparare qualcosa. O avevo da sgarbugliare le corde dei miei aquiloni, o cucire la borsa strappata della mia slitta o l’aquilone squarciato da venti estremamente forti. Il mio primo paio di sci si è rotto all’inizio della spedizione, ma fortunatamente ne avevo un secondo paio più pesante ma certamente più robusto, che è durato. Nella seconda settimana, ho anche perso la pentola e gli utensili: ho quindi dovuto improvvisare nuove tecniche di cucina.


Che protocolli di emergenza hai avuto in atto? Avevi qualche equipaggiamento di emergenza dedicato?

Avevo un localizzatore‑trasmettitore d’emergenza, ma a causa della distanza, i soccorsi non sempre sarebbero stati possibili. Il mio team ha seguito quotidianamente i miei progressi perché inviavo loro manualmente la mia posizione GPS.


Di cosa c’è bisogno per avere successo in una spedizione come questa?

Bisogna avere conoscenza, esperienza, pianificazione attenta, preparazione mentale e fisica.


Che equipaggiamento hai portato con te per l’attraversamento?

Tre aquiloni di taglie differenti, corde extra, un paio di scarponi SCOTT da turismo, un paio di scarponi Alpha per camminare, due paia di sci SCOTT, un paio di pelli, bastoni da sci SCOTT, casco con visiera, ramponi Petzl, piccozza Petzl, viti da ghiaccio, una tenda Hellsport con paletti di ricambio, una tenda da bivacco, materassino Exped, sacco a pelo -30° C, pentola da cucina da 2 L, pentola MSR GXK 2, kit di riparazione, pompa, utensili per mangiare, borracce termiche, bottiglia per l’acqua Nalgene 1 L, bottiglie per bevande energetiche da 1 L, pala, accendino e fiammiferi, giacche in piumino, grande e leggera, gilet, pantaloni, intimo e calze, giacca e pantaloni in GoreTex, intimo in lana, guanti, moffole, passamontagna, scaldacollo, occhiali con lenti polarizzate, maschera, strumenti di comunicazione, pannelli solari, equipaggiamento fotografico, kit di pronto soccorso, snack fatti in casa a elevato apporto calorico e cibo Trek’N Eat.


Nel corso di 56 giorni e 22 ore hai coperto 5.100 km utilizzando aquiloni e sci. Rifaresti questo viaggio?

No, non lo rifarei. È sempre bello tornare in posti già visitati, ma è necessario prenderne la distanza navigando via. Non si ha alcun potere sull’Antartide, è l’Antartide che ha potere su di te.


Finalmente sei arrivato alla stazione di Dumont d’Urville.


L’attraversamento dell’Antartide è parte di un’altra missione audace: il tentativo di attraversare la terra passando per i due poli. Quali sono i piani per la prossima spedizione Pole2Pole?

Ora sono di nuovo sulla mia barca Pangaea in Tasmania, in Australia. Il prossimo passo sarà navigare verso la Nuova Zelanda dove condurremo avventure su terra e progetti ambientalisti; navigheremo poi per tornare in Australia dove accadrà lo stesso, e poi in Papua Nuova Guinea, Indonesia, seguita dall’India dove tenterò di scalare i picchi più alti mai scalati prima d’ora! Poi Asia, Kamčatka, l’Artico, seguito dalla Groenlandia e infine il rientro in Europa, dove la spedizione è cominciata. La spedizione Pole2Pole andrà avanti fino al 2018.



Giacca SCOTT Explorair PRO GTX 3L
Giacca SCOTT Explorair PRO GTX 3L
SCOTT Explorair PRO GTX 3L Pant
SCOTT Explorair PRO GTX 3L Pant
Sci SCOTT Superguide 105
Sci SCOTT Superguide 105
Bastoni da sci SCOTT Riot 22
Bastoni da sci SCOTT Riot 22

Mike Horn

Learn more